martedì 07 agosto —  ore 20:45 — Osais di Prato Carnico / Chiesa di San Leonardo

Trio Evocación

Date

Le prime notizie della chiesa di Osais risalgono al 9 aprile 1391. Nell’abside possiamo ammirare i colori e la forza espressiva di un prezioso ciclo di affreschi di Pietro Fuluto. Le pareti sono dedicate a episodi della vita di San Leonardo. Pregevoli i due altari laterali, quello di San Valentino conserva l’ancona secentesca attribuita a Giovanni Antonio Agostini. L’altro, recentemente restaurato, l’ancona lignea intagliata dorata e dipinta da Antonio Tironi da Bergamo.

MUSEO DELL’OROLOGERIA E PERCORSO DELL’OROLOGERIA MONUMENTALE
Il Museo dell’orologeria di Pesariis, con sede nella cinquecentesca Casa della Pesa, accoglie oltre un centinaio di orologi, dalla ricostruzione di modelli del 1400, per giungere ai moderni orologi-indicatori. Per le vie del paese troviamo il Percorso dell’Orologeria Monumentale: un museo espositivo all’aperto, con 15 esemplari di orologi ad acqua, astronomici, calendari, stellari, a palette, meridiane e carillon.

STAVOLI DI ORIAS
Una passeggiata porta agli stavoli di Orias, sopra la frazione di Truia dove sono raggruppati dodici edifici rurali perfettamente conservati che rappresentano l’architettura tipica della Val Pesarina.

J. S. Bach
Toccata, Adagio e Fuga in do magg. BWV 564

M. A. Zani de Ferranti
Polonaise Concertante Op. 27

M. Ravel
Pavane pour une infante défunte

A. Piazzolla
Fuga y misterio, Revirado

A. Dvořák
Danze slave n. 8 e n. 10

I. Albéniz
Cataluña

M. de Falla
Danza de los Vecinos e Danza de molinero dal Balletto “El sombrero de tres picos”

Un trio di chitarre formato da giovani musicisti croati che si stanno facendo onore, tra concerti e concorsi in Europa, nonostante si sia da poco costituito. È il Trio Evocación, nato nel 2016 presso la prestigiosa Accademia musicale di Zagabria, sotto la direzione artistica del grande chitarrista Darko Petrinjak.
Tra i loro vari progetti e collaborazioni, citiamo quella con l’ambasciata spagnola a Zagabria per la divulgazione del repertorio spagnolo di chitarra. Questo interessante concerto, che gli sta portando consensi unanimi, si sviluppa nell’esecuzione di famose composizioni di grandi autori riarrangiate per trio di chitarre.
Sarà pertanto curioso e interessante ascoltare Bach, Ravel, Dvořák, Albéniz, de Falla, in queste nuove versioni. Assieme a queste ascolteremo brani composti secondo organico, come quello del poco noto, ma indubbiamente degno rappresentante del chitarrismo italiano Zani de Ferrante, interprete e compositore bolognese vissuto nel corso dell’Ottocento.
Tra novità e riscoperte, il giovane Trio Evocación, saprà sulle sei corde evocare storie, atmosfere di epoche e tradizioni differenti, con l’entusiasmo e la passione che lo contraddistingue.