venerdì 21 luglio —  ore 20:45

Forni Avoltri / Sala Cinema

Sebastian di Bin pianoforte

maggiori informazioni

Il primo documento su cui compare il nome di Forni Avoltri è un atto di donazione del 778 d.C., ma è quasi certo che queste terre erano conosciute sin dalla preistoria, alla luce dei numerosi reperti paleolitici rinvenuti. È anche uno dei comuni più elevati della regione con i suoi 900 m e, tra le vette che lo circondano, domina con la sua altitudine di 2780 m il monte Coglians, la cima più alta della regione.

MUSEO DELLA GRANDE GUERRA Mostra permanente sulla Grande Guerra nell’Alta Val Degano e sul fronte formato dalle cime circostanti: i monti Navagiust, Avanza, Chiadenis ed i passi Volaia e Cacciatore.

MUSEO ETNOGRAFICO CEMÙOT CHI ÉRIN Mostra etnografica che testimonia il desiderio di tramandare alle generazioni future “come eravamo”, ricostruendo piccole tracce della storia e delle genti in questo lembo della Carnia.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

F. Chopin
Studi Op. 25 n. 1, 2, 3, 5, 7, 10, 11, 12
Studi Op. 10 n. 3, 12

S. Rachmaninov
Momenti musicali
Op. 16 n. 1, 4, 6

S. Di Bin
Moi
Amore universale
Il vincitore
Le confessioni
Il parassita

Una ragionata selezione dagli Studi dell’Op. 10 e 25 di Chopin e dai Momenti musicali di Rachmaninov, per incontrare le composizioni contemporanee del pianista Sebastian di Bin. Interprete e autore d’indiscussa verve, l’artista friulano da qualche tempo si fa ammirare anche per la sua vena creativa, distinta da un pianismo che guarda al passato nell’intento di generare il futuro.
Ed è così che il virtuosismo, il gioco melodico, ritmico e armonico degli immortali compositori dell’Otto e del Novecento incontrano le qualità nuove di un giovane talento che attraverso la musica riesce a far vivere personalità e situazioni, superando il mero descrittivismo da programma. Nutrito e considerevole è il palmares di primi premi ottenuti da Sebastian di Bin e la sua attività concertistica lo vede esibirsi in prestigiosi teatri in Italia e all’estero. Dopo l’incisione dell’intero ciclo dei 12 Studi trascendentali di Liszt per l’etichetta americana Centaur sono d’imminente uscita altre due raccolte per la stessa casa discografica: l’integrale degli Studi di Chopin e un’antologia di autori russi.