martedì 12 agosto 2014 —  ore 20:45 — Cavazzo Carnico / Chiesa di San Rocco

Moderne Stravaganze

Date

Posta al limitare del paese, verso la strada che conduceva al guado della “Maina”, l’edificio, dalla facciata a capanna introdotto dall’ampio portico tripartito, è uno scrigno d’arte settecentesca.
Un ricco altare ligneo conserva la tela di Giuseppe Buzzi con San Nicolò e i Santi Vito e Maurizio, mentre nell’altare ligneo di fronte, è collocata una pala tarda con i Santi Floriano e Lorenzo.
L’altar maggiore “a trittico” presenta una pala centrale di Secante Secanti raffigurante la Vergine col bambino attorniata dai Santi Daniele, Rocco, Sebastiano e Lorenzo nelle laterali le fastose cornici comuzziane incorniciano l’Ultima Cena e il Cristo che consegna la croce ai protomartiri aquileiesi Ermacora e Fortunato.

3° TAPPA DEL CAMMINO DELLE PIEVI
Da Tolmezzo a Cesclans. Attraversando la piana del Fiume Tagliamento, l’itinerario termina all’interno della fascia di Prealpi che fa da barriera alla Carnia verso sud-ovest, con la Pieve di Cesclans che fa ad essa da sentinella.

J. S. Bach
Suite N.1 in Sol maggiore
Suite N.2 in Re minore
Suite N.3 in Do maggiore

“Le prime tre Suites per violoncello solo di Bach ci vengono restituite da Puliafito e Fantin arricchite di una nuova dimensione. Una prospettiva che unisce interpretazione e composizione, in grado di mantenere fede all’unicità stilistica dell’opera e capace di approfondirla ulteriormente, investigando la parte reale dello strumento solo con armonie pianistiche di stravagante eleganza. Barocco e jazz, in un quadro cameristico dove il contrappunto melodizzato del principe dei gravi si dipana nel caleidoscopio dell’improvvisazione. In Moderne Stravaganze, le sei danze di ogni Suite sono restituite nella poetica delle purezze timbriche, condotte da Puliafito con tocco sapiente e cantabilità naturale, arricchite – in quest’opera già di per sé misteriosa -, dai segreti di un basso continuo senza precedenti, che concilia la tradizione bachiana con una creatività estemporanea. Alternando pianoforte e Rhodes, i controcanti colti e irriverenti di Fantin lavorano ispirati alla tradizione contrappuntistica, con punte di libertà sopraffina, tramando sempre pertinenti al canto invettive ammalianti di superba suggestione”.
Alessio Screm

Antonino Puliafito violoncellista, entra a far parte dell’Orchestra Giovanile Italiana nel 1997 con la quale effettuerà tournée. Dal 2002 fino al 2004 è Primo Violoncello dell’Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia. Ha collaborato con le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere come Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra dell’Arena di Verona, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra della Svizzera Italiana, Junge Deutsche Philarmonie, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. Fondatore insieme a Francesca Sperandeo e Silvia Mazzon del Trio Operacento con il quale ha effettuato concerti in Italia e all’estero e vinto importanti concorsi internazionali. Dall’Aprile 2005 fa parte dell’Orchestra della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia.

Rudy Fantin (pianoforte, fender rhodes mark I) musicista proveniente da studi classici ottiene anche il diploma jazz, collabora con prestigiosi musicisti italiani e di oltre confine, dirige dal marzo 2002 Il Coro “The colours of Gospel” di S. Michele al Tagliamento, con il quale ha suonato su RAI 2. Ha ottenuto il terzo posto al concorso internzionale per cori Gospel di Roncade (TV). Collabora con la cantante americana Cheryl Porter. Nel febbraio 2003 assieme al cantante Alessandro Pozzetto fonda e dirige il F.V.G. Gospel Choir® con il quale vince il Primo Premio al concorso per cori gospel al Secondo seminario internazionale di Gospel di Cison di Valmarino. Si è esibito in varie rassegne italiane ed estere. È attivo come arrangiatore di musica moderna per vari tipi di organico e scrive musiche per teatro.