sabato 06 agosto 2016 —  ore 20:45 — Sauris / Sala Gradoni Kursaal

Il mondo della fisarmonica

Date

Sauris, “Zahre” nell’idioma locale, è un meraviglioso borgo montano costellato da tipici caseggiati, malghe e pascoli, la cui verde conca è dominata da cime dolomitiche che si rispecchiano nelle acque del lago. Il nome della località è legato a quello del suo squisito prosciutto crudo, leggermente affumicato secondo la ricetta della tradizione saurana. Ideale per accompagnare il prosciutto è la birra locale. Inoltre, paesaggi incantati e le particolarità del dialetto locale, oltre al Carnevale saurano, fanno di Sauris una perla alpina tra le più amate.

PROSCIUTTIFICIO WOLF
Visite guidate nel regno dei prosciutti, per scoprire i segreti, tramandati da oltre un secolo e mezzo di storia e stuzzicare i palati.
Info e prenotazioni: Prosciuttificio WOLF (0433 86054)

CENTRO ETNOGRAFICO HAUS VAN DER ZAHRE
Un luogo nato per documentare le caratteristiche culturali della comunità di Sauris/Zahre, illustrandone diversi aspetti con esposizioni temporanee.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

Artisti ospiti
Eddie Monteiro
(USA), Viacheslav Semionov (Russia), Mady Soave (Francia / USA), Peter Soave (Italia / USA),  Mary Tokarski (USA), Stas Venglevski (Moldovia / USA)

Musiche di A. Astier, L. Bacalov, D. Dobrin, G. Gershwin, L. Schifrin, S. Venglevski, P. Ziegler.

La fisarmonica è uno strumento musicale relativamente recente, brevettato nel 1829 a Vienna dal costrutture di pianoforti Cyrill Demian. Da allora in poi, la sua fortuna non ha fatto che aumentare, in modo esponenziale. Nelle sue svariate declinazioni, individuabili anzitutto nelle fisarmoniche a piano, a bottoni e diatoniche, fino ai bandoneon, le concertine, i bayan e gli organetti, questo strumento pieno di fascino, all’inizio destinato quasi esclusivamente alla musica popolare e folklorica, ha trovato dalla seconda metà del Novecento le più ampie connotazioni ed usi, in svariati generi musicali, come nella contemporanea, nel jazz e nella world music. L’Italia figura tra i principali paesi costruttori di fisarmoniche, grazie soprattutto agli straordinari strumenti prodotti dalle case costruttrici di Castelfidardo e Stradella. Il concerto a Sauris vede la partecipazione di grandi maestri dello strumento aerofono a mantice, provenienti dalla Russia come Alexander Skliarov, che aprirà con un recital solistico, dagli Stati Uniti, dalla Moldavia, dalla Francia e dall’Italia, riuniti nell’Academy Grand Orchestra fondata dal noto fisarmonicista italo-americano Peter Soave e diretta dall’argentino Duilio Dobrin.

Alexander “Sasha” Skliarov è un musicista dalla sensibilità eccezionale, dotato di straordinaria tecnica e talento, considerato uno dei migliori bayanisti contemporanei. Si è formato nel prestigioso Gnessin Institute di Mosca, ha vinto la coppa mondiale nel 1971 e da allora tiene concerti in tutto il mondo. Il suo repertorio include composizioni originali per bayan e trascrizioni dalla letteratura barocca, classica e romantica. Nel 1994 è stato insignito del titolo di Artista del popolo russo dal presidente Boris Yeltsin.

Duilio Dobrin è pianista, direttore, insegnante e compositore. Ha avuto il privilegio di studiare con Leonard Bernstein a Tanglewood, Sergiu Celibidache a Monaco e con Otto Werner-Mueller a Yale, dove ha conseguito il diploma di post dottorato. È inoltre dottore delle arti e maestro di musica ed ha conseguito un’ulteriore laurea al Conservatorio Nazionale dell’Argentina. Le sue attività musicali lo vedono protagonista in prestigiose rassegne ed istituti di nomea internazionale.


wolf