domenica 12 luglio 2009 —  ore 20:45

Tolmezzo / Auditorium

Federico Mondelci

maggiori informazioni

A 6 km da Tolmezzo merita una visita il borgo di Illegio, situato in una verde conca circondata da una corona di monti di intatta bellezza. Dalla primavera all’autunno il paese diventa sede di un’importante mostra d’arte sacra internazionale nella casa delle esposizioni del borgo. Attualmente è in corso la mostra “Amanti. Passioni umane e divine”, fino all’8 ottobre, con esposte opere di Antonio Canova, Artemisia Gentileschi, Filippino Lippi, Leandro Bassano, Luca Giordano, Simon Vouet, Ernst Klimt e molti altri. L’amore di coppia nella Bibbia, nella mitologia, nella letteratura e nella mistica, viene qui raccolta in sette secoli d’arte. Info e prenotazioni sul sito: www.illegio.it

PIEVE DI SAN FLORIANO A ILLEGIO
Fra le più antiche della Carnia, si formò forse fin dai secoli IX-X. La Pieve sorse in posizione strategica nel luogo in cui si trovava un castello, Castrum Elecium, esistente fino al 1316 circa. La chiesa, d’impianto medievale ad una sola navata con abside poligonale caratterizzata da contrafforti in pietra, presenta la tipica copertura in embrici.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

NINO ROTA
Otto e mezzo
NICOLA PIOVANI
Il Marchese del Grillo
Suite per sassofono e orchestra a cura dell’autore (per F.Mondelci)
ENNIO MORRICONE
Mission
C’Era Una Volta il West
ROBERTO MOLINELLI
Four Pictures from New York
per sassofono pianoforte, e orchestra
Dreamy Dawn, Tango Club, Sentimental Evening, Broadway Night
GIOVANNI SOLLIMA
Canti Rocciosi

FEDERICO MONDELCI si è diplomato con lode al Conservatorio Statale di Musica “G. Rossini” di Pesaro e suggestivamente, nel 1981, al Conservatorio Superiore di Bordeaux sotto la guida di Jean-Marie Londeix ottenendo la Medaglia d’Oro all’unanimità. Ha al suo attivo un’attività di solista internazionale nelle sale da concerto più prestigiose tra cui il Teatro alla Scala, la Carnegie Hall di New York, la Philarmonica di San Pietroburgo, la Sala Tchaikovsky di Mosca. Numerosi compositori gli hanno dedicato le loro opere.
La sua discografia, principalmente con le etichette Delos e Chandos, comprende il repertorio solistico con orchestra, il duo con pianoforte e il quartetto.
Accanto all’attività internazionale di solista Federico Mondelci affianca un’importante attività di direttore d’orchestra collaborando con solisti di fama internazionale come Ilya Grubert, Michael Nyman, Kathryn Stott, Pavel Vernikov, Nelson Goerner, Francesco Manara, Luisa Castellani. È docente di sassofono al Conservatorio G. Rossini di Pesaro, direttore artistico dell’Ente Concerti di Pesaro e direttore della ISO – Italian Saxophone Orchestra, da lui stesso fondata nel 1995. È inoltre fondatore dell’Italian Saxophone Quartet che dal 1985 si esibisce con successo in ambito internazionale.