giovedì 09 agosto 2012 —  ore 20:30

Cesclans di Cavazzo / Pieve di Santo Stefano

Dolomiti Symphonia Orchestra

maggiori informazioni

Eretta su un relitto di tomba monumentale romana risalente al IV-V secolo, la Pieve di S. Stefano, per come oggi noi la conosciamo, testimonia tracce architettoniche risalenti all’VIII-IX secolo. Si presuppone l’esistenza di una cinta fortificata su cui si poggiavano strutture residenziali e magazzini. Nell’Antiquarium sottostante la Pieve sono raccolti ed esposti rari reperti archeologici.

LAGO DI CAVAZZO
Di origine glaciale, il più grande del Friuli Venezia Giulia. Il nome deriva probabilmente dall’antica vedetta romana Castrum Cabatinum. Ricco di sentieri naturalistici, il territorio è ideale per la pesca, il canottaggio, la vela, la corsa in montagna e le lunghe passeggiate.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

W. A. Mozart
Concerto per pianoforte e orchestra n. 21
in Do maggiore KV 467
Allegro maestoso, Andante, Allegro vivace assai

F. Schubert
Sinfonia n. 5 in Si bemolle maggiore D 485
Allegro, Andante con moto, Minuetto. Allegro molto -Trio, Allegro vivace

DOLOMITI SYMPHONIA nasce nel 1985, in occasione dell’anno Europeo della Musica. Ha al suo attivo più di 500 concerti eseguiti in Italia, Ungheria, Slovenia, Spagna, Germania, Austria, Svizzera. Ha collaborato con solisti quali A. Dell’Oste, E. Caroli, C. Mansutti, G. Stevanato, M. G. Ferrari, P. N. Masi, G. Carmignola ed è stata diretta da maestri come M. Pradella, K. Topilow, U. Benedetti Michelangeli, R. Selitrenny. Alcuni appuntamenti di particolare interesse caratterizzano la sua attività: la stagioni concertistiche in provincia, il concerto a Belluno per S. Martino in Cattedrale (giunto alla XXIIa edizione) ed i concerti nei luoghi più suggestivi delle Dolomiti. Ha eseguito al Festival Niederosterreich in Austria prime esecuzioni di compositori moderni e più recentemente le prime esecuzioni di alcune composizioni sacre del boemo Faulhaber.

ANTONIO DI CRISTOFANO si è esibito in recital e con orchestra presso prestigiose istituzioni italiane quali il Teatro Verdi di Firenze, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, Asolo Musica, la Sala Puccini di Milano, Teatro Bibiena di Mantova, Politeama di Palermo ed all’estero nel Festival Pianistico di Vigo e Gioventù Musicale di Siviglia, Sala del Conservatorio Ciaikovsky di Mosca, Smetana Hall e Dvorak Hall a Praga, Moores Opera House di Houston, Ateneum e Sala della Radio a Bucarest, Auditorium Villanueva a Città del Messico ed anche in Turchia, Inghilterra, Croazia, Svizzera, Francia. Ha collaborato con orchestre quali Orchestra Cantelli, Sinfonica di Lecce, Magna Grecia, Sinfonica Siciliana, Ciaikovsky (Russia), Filarmonica di Bucarest, Sinfonica dello Stato del Messico, RTV Albanese, Praga Symphony Orchestra, North Czech Philarmonic. Recentemente ha debuttato alla Carnegie Hall di New York e alla Konzerthaus di Vienna con la Wiener Mozart Orchestra.

DELIO CASSETTA ha studiato direzione d’orchestra perfezionandosi con Gusella e Renzetti e presso i MeisterKurse e la Hochschule di Vienna. Nel 1985 è stato tra i fondatori dell’Orchestra di Belluno, ora Dolomiti Symphonia, con la quale ha diretto oltre cinquecento concerti e numerose opere liriche, in Italia e all’estero. Ha diretto, inoltre, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, la Filarmonia Veneta, l’Orchestra Città di Ferrara, l’Orchestra Sinfonica di Pescara, l’Orchestra da Camera del Lazio, i fiati dell’Orchestra Sinfonica di Grosseto, la Filarmonica di Minsk, l’Orchestra e il Coro della Filarmonica di Timisoara, l’Orchestra Sinfonica di Pecs, la Budapest Chamber Symphony, l’Orchestra Sinfonica del Festival di Brekenridge in Colorado, l’Orchestra di Opera Altra Prato, l’Orchestra Sinfonica del Messico, l’Orchestra Classic Chamber Players di New York.