domenica 03 settembre —  ore 20:45

Enemonzo / Pieve dei Santi Ilario e Taziano

Coro del Friuli Venezia Giulia
Orchestra San Marco di Pordenone

maggiori informazioni

La Pieve di Sant’Ilario e Taziano è una delle antiche pievi della Carnia. Sorgeva nell’abitato di Enemonzo sull’antica via che percorreva la valle del Tagliamento. L’intitolazione ai santi Ilario e Taziano, vescovo e diacono, protomartiri aquileiesi, è tipica dell’XI secolo. L’antica chiesa viene menzionata nei documenti sin a partire dal XIII secolo. L’interno presenta tre navate, con il corpo centrale di maggiore altezza, e un’abside quadrata. Conserva sul soffitto un affresco opera di Domenico Fabris raffigurante l’Ascensione di Cristo (1854).

Chiesa della Beata Vergine della Consolazione Dalle 20.00 sarà aperta e visitabile la vicina chiesa con il suo meraviglioso altare maggiore in legno intagliato e dorato.

9-10 e 16-17/09 – 34^ Mostra Mercato del Formaggio e della Ricotta di Malga
Concorso per il miglior formaggio e la migliore ricotta prodotta nelle malghe carniche. Convegno dedicato ai problemi dell’agricoltura in alta montagna, chioschi enogastronomici, musica, mercatino dell’artigianato, parco giochi.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

J. S. Bach
Jesus nahm zu sich
die Zwölfe BWV 22
Lobet den Herrn,
alle Heiden BWV 230
Himmelskönig, sei willkommen BWV 182

Prosegue il grandioso progetto del Coro del Friuli Venezia Giulia che da anni s’impegna dell’esecuzione integrale delle oltre 200 Cantate di Johann Sebastian Bach, capolavori indiscussi dell’arte sacra di tutti i tempi. Una maratona nel nome del genio di Eisenach per grandi polittici sonori nell’organico di coro, soli ed orchestra. Tre le cantate di questo ciclo, con la partecipazione dell’Orchestra San Marco di Pordenone accanto al Coro del Friuli Venezia Giulia e importanti solisti: Anna Mindotti, Stefano Speranzon e Ewald Nagl.
Preparato fin dalla sua fondazione da Cristiano Dell’Oste, Il Coro del Friuli Venezia Giulia ha effettuato oltre 300 produzioni tra prime assolute e concerti tenuti in tutta Italia ed Europa. Ospite dei più prestigiosi festival e stagioni concertistiche, è stato diretto da oltre sessanta direttori tra cui spiccano i nomi di Riccardo Muti, Gustav Leonhardt, Ton Koopman e Luis Bacalov. Nel 2016 ha cominciato una felice collaborazione con il celebre violoncellista Mario Brunello.