domenica 23 luglio 2017 —  ore 20:45 — Moggio Udinese / Abbazia di San Gallo

Carniarmonie Festival Orchestra

Date

Quest’anno iniziano le celebrazioni dedicate ai 900 anni di consacrazione dell’Abbazia di San Gallo che si chiuderanno il 16 ottobre 2019. L’Abbazia fu fondata infatti nel 1085 dal patriarca di Aquileia Federico di Moravia e consacrata dal patriarca Ulrico di Eppenstein nel 1119.

La storia della millenaria Abbazia ci ricorda momenti di splendore quali quelli citati nel documento del 1250 dell’Abate Ghiberto, con la minuziosa descrizione del complesso, a momenti nefasti quali quello del 1400 con il saccheggio da parte delle truppe di Ludovico di Teck, fino alla soppressione della stessa nel 1884 e l’acquisizione dei conti Mangilli – Leoni, fino al terremoto del 1976 e del 2001.

Oggi l’Abbazia dall’omonimo colle domina la vallata e incuriosisce lo sguardo del turista. Il sito abbaziale meta di pellegrini e visitatori si presenta con la chiesa, il chiostro, la Torre delle Prigioni e l’Antiquarium, piccolo museo dove sono stati raccolti i resti ritrovati nel sito abbaziale di epoca romana e altomedioevale.

fotografia di Ulderica Da Pozzo

L. van Beethoven
Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra in do magg. Op. 15

W. A. Mozart
Sinfonia n. 40 in sol min. K 550

Un festival che si fa orchestra. È questa una delle novità assolute di questa edizione di Carniarmonie. Una rassegna che da ventisei anni realizza concerti nei luoghi più suggestivi e storici della Carnia, che diventa ora anche luogo di esperienza per musicisti.
Nata dall’unione tra l’Accademia d’Archi Arrigoni e l’ottetto di fiati Il Cantiere dell’Arte, Carniarmonie Festival Orchestra ha lo scopo di creare un’orchestra giovanile con i migliori artisti della nostra regione.

Un’esperienza unica che vede la partecipazione del pianista Ivo Verbanov, importante figura della musica e della cultura bulgara all’estero, un talento che oltre a molti recital e concerti, vanta una produzione discografica di grande rilievo, ottimamente recensita delle principali riviste specializzate internazionali.

Al podio il direttore friulano Paolo Paroni, direttore ospite principale del New York City Ballet dal 2014, ha collaborato con orchestre internazionali tra le quali l’Orchestra Filarmonica Slovena di Lubiana, l’Orchestra Filarmonica di Zagabria e la Sofia Festival Orchestra.