Sergio Marchegiani

SERGIO MARCHEGIANI è nato ad Alessandria dove inizia lo studio del pianoforte all’età di sei anni e dove si esibisce in pubblico per la prima volta a dieci. Grazie alle sue doti musicali e ad una particolare attitudine per il pianoforte viene ammesso ai Corsi Speciali istituiti dal Conservatorio “A. Vivaldi” della sua città, dove si diploma brillantemente nel 1990 sotto la guida di Giuseppe Binasco (allievo di Arturo Benedetti Michelangeli e Alfred Cortot).
Fondamentale l’incontro con Ilonka Deckers Küszler, grande didatta ungherese erede diretta della Scuola pianistica di Franz Liszt ed insegnante di musicisti come A. Lonquich, Enrica Cavallo e Annie Fischer, con la quale si perfeziona a Milano dal 1990 al 1994.
In seguito, continua i suoi studi con Marian Mika, pianista polacco proveniente dalla Scuola di Paderewski, con il quale ha approfondito in particolare lo studio della musica di Chopin.
Hanno inoltre contribuito alla sua formazione Alexander Lonquich e Bruno Canino.

Dopo aver vinto, giovanissimo, diversi premi in concorsi nazionali ed internazionali inizia un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi nelle principali città italiane e in prestigiose sale da concerto come la Sala Grande del Conservatorio di Torino, il Teatro “R. Valli” di Reggio Emilia, il Teatro Bibiena di Mantova, la Sala Puccini del Conservatorio di Milano, il Teatro Vittorio Emanuele di Messina, Villa Rufolo a Ravello, ospite di importanti Enti ed Associazioni tra cui il Teatro Lirico di Cagliari, Asolo Musica, Lyceum di Catania, l’Accademia d’Ungheria di Roma, l’Orchestra G. Donizetti di Bergamo.

Ha tenuto recital in tutto il mondo (Austria, Germania, Olanda, Belgio, Inghilterra, Francia, Spagna, Svezia, Norvegia, Repubblica Ceca, Russia, Stati Uniti, Messico, Corea del Sud, Singapore, Australia) esibendosi, tra l’altro, a Vienna, Berlino, Praga, Monaco di Baviera, Heidelberg, Oslo, Mosca, Stoccolma, Philadelphia, Los Angeles, Citta’ del Messico, Seoul, Singapore, Adelaide; nel 2001 ha tenuto un recital a New York alle Nazioni Unite, e recentemente, e’ tornato nella citta’ americana dove ha debuttato nella prestigiosa sala grande della Carnegie Hall, lo Stern Auditorium, accompagnato dal New York Symphonic Ensemble.

Si è esibito come solista con numerose orchestre tra cui la Budapest Symphony Orchestra, Sinfonietta del Teatro Lirico di Cagliari, la Camerata del Prado, l’Orchestra Guido Cantelli di Milano e la United Europe Chamber Orchestra.
Ha registrato per Rai – Radio3, per la rete culturale russa TVC e per l’etichetta Dynamic.
All’attività solistica affianca la passione per la musica da camera, collaborando con musicisti come il Quartetto de I Solisti di Mosca, il violinista Mikhail Bereznitskij, i violisti Anton Jaroshenko e Simonide Braconi, con Bochmann Quartet e con l’attrice austriaca Julia Cencig.

Da diversi anni Sergio Marchegiani collabora con il compositore Alberto Colla, del quale è divenuto il principale interprete delle opere per pianoforte e di cui ha eseguito la Prima Assoluta di moltissimi brani solistici, cameristici e con orchestra: “Trittico dei Giardini”, “Liturgia” (a lui dedicato), “Doppi affetti”, “Caronte”, “I recommend your soul to God”, “L’adieu” per pianoforte; “Nata’hi” per pianoforte a quattro mani; “Quintetto per pianoforte e archi in memoria di D. Shostakovich”; “Caronte” e “L’adieu” per ensemble; Secondo Concerto per pianoforte e orchestra sinfonica, “Requiem degli uccisi” per soprano, pianoforte, chitarra doppio coro e orchestra e “Liturgia” per pianoforte e orchestra d’archi. “Sergio Marchegiani si è rivelato esecutore straordinario della musica di Colla, impeccabile nella tecnica, nello stile interpretativo e nel suono caldo e cesellato.” (Alberto Cima su La Provincia).

É regolarmente invitato a far parte della giuria di Concorsi Pianistici e tiene masterclass e conferenze – concerto in Italia e all’estero.

Gli artisti